Crisi nel ciclo di vita

Il Centro di consultazione e psicoterapia Minotauro propone equipe specialistiche sensibili alla specificità delle problematiche nelle diverse fasi del ciclo di vita. dedicate alle differenti fasce dì età ed in relazione a forme di disagio psicologico diverse.

Bambini e Preadolescenti

L’equipe infanzia e preadolescenza si occupa delle problematiche psicologiche legate a questa specifica fascia d’età (0-13 anni) nell’ottica della psicologia e psicoterapia evolutiva, a sostegno del bambino, del preadolescente e della famiglia.

Il progetto di trattamento è volto alla ricerca di soluzioni terapeutiche alle possibili crisi attraverso interventi di consultazione e psicoterapia. Presupposto dell’intervento è il coinvolgimento degli adulti di riferimento e del contesto familiare come partner necessari nel lavoro psicologico.

L’equipe, coordinata da Simona Rivolta, è formata da psicologi clinici, psicopedagogisti, psicoterapeuti esperti in problematiche psicologiche ed educative e si avvale di consulenti neuropsichiatri esterni.

L’intervento psicologico si realizza in integrazione con il contesto di crescita del bambino e del preadolescente: scuola, agenzie formative e ricreative, e servizi del territorio.

Orientamento teorico

In un’ottica che integra prospettive psicoanalitiche ed evolutive, il lavoro clinico dell’equipe ha come obiettivo l’individuazione di risorse, strategie e strumenti efficaci volti a sostenere la ripresa del naturale percorso di sviluppo.

Attività clinica

L’attività clinica si svolge a più livelli, a partire da interventi di carattere preventivo fino alla presa in carico psicoterapeutica:

consulenza psicologica ai genitori sui problemi di sviluppo ed educativi. Finalizzata al sostegno del ruolo, della competenza genitoriale e della relazione con i figli.

consulenza psicopedagogica a genitori ed educatori sulle problematiche del contesto familiare ed educativo anche attraverso attività di gruppo dedicate agli adulti.

osservazione e valutazione psicodiagnostica attraverso colloqui e test specifici per l’età.

–percorsi di psicoterapia individuale affiancati da incontri periodici con i genitori, ed eventualmente sedute familiari.

Adolescenti
La Sezione Adolescenti è impegnata in attività di consultazione psicologica, presa in carico psicoterapeutica, interventi di sostegno al ruolo materno e paterno, interventi integrati di sostegno alla crescita.

L’intervento è rivolto ad adolescenti in crisi, di età compresa tra i 14 e i 19 anni, e a genitori in difficoltà per problemi scolastici, conflitti familiari, inibizione/precocizzazione sociale e sessuale, reazioni depressive a delusioni sentimentali, problemi evolutivi in genere.

L’équipe è coordinata da Matteo Lancini .

Orientamento teorico

La Sezione Adolescenti si ispira ad un modello teorico psicoanalitico che sostiene l’importanza dei ruoli affettivi (padre, madre, figlio, fratello, maschio, femmina) nei processi di simbolizzazione e nelle relazioni interpersonali.

In questa prospettiva assume particolare rilevanza la dimensione evolutiva del disagio psichico, pertanto l’obiettivo del lavoro riguarda l’attribuzione di un significato affettivo ed evolutivo ai comportamenti disfunzionali e alle crisi adolescenziali. La consultazione iniziale prevede colloqui individuali con gli adolescenti e i loro genitori e, qualora se ne valuti l’utilità, la realizzazione di una valutazione psicodiagnostica mediante test. La formulazione di un bilancio della crescita (“bilancio evolutivo”) consente di intercettare nuove chiavi di lettura del problema e di identificare la tipologia di intervento più adeguata per rispondere alle specifiche difficoltà dei ragazzi e dei loro genitori.

L’attività clinica

Consultazione

– Primo colloquio con i genitori volto ad accogliere la richiesta e a formulare un’ipotesi metodologica di intervento.
– Colloqui di consultazione con l’adolescente. Il numero di colloqui non può essere predeterminato aprioristicamente, ma viene definito in base alle specifiche esigenze cliniche. L’obiettivo dei colloqui di consultazione è di formulare un bilancio evolutivo dell’adolescente che consenta di comprendere le ragioni evolutive e affettive sottostanti le problematiche presentate.
– Colloqui di consultazione con la madre e con il padre.
Eventuale valutazione psicodiagnostica mediante test di livello e test proiettivi.
– Restituzione, primo sostegno al ruolo genitoriale e indicazioni di percorso.

Presa in carico psicoterapeutica

– Psicoterapia ad orientamento evolutivo.
– Sostegno al ruolo genitoriale.

La presa in carico psicoterapeutica individuale dell’adolescente ed il sostegno al ruolo genitoriale in alcuni casi possono essere affiancati da interventi di altro tipo, quali:

– Gruppi di sostegno e gruppi terapeutici per adolescenti.
– Gruppi di sostegno al ruolo materno.
– Gruppi di sostegno al ruolo paterno.
– Laboratori creativo-espressivi per adolescenti.
– Laboratori di sostegno all’apprendimento e allo studio per adolescenti.

Giovani Adulti e Adulti
Oggi l’età adulta è una fase della vita meno stabile e prevedibile di quanto non fosse in passato. Il lavoro con i giovani adulti e gli adulti affronta sia il disagio psicologico che deriva da difficoltà esistenziali contingenti, sia condizioni di sofferenza psichica più profondamente radicate nella vita del soggetto.

La sezione clinica dei giovani e adulti si rivolge a giovani tra i 19 e i 30 anni che esprimono sofferenza, malessere e conflitto nell’affrontare questioni attinenti alla loro fascia d’età: difficoltà nell’area delle relazioni sociali e di coppia, ostacoli nel processo di autonomizzazione dai genitori, fragilità dei processi di adultizzazione ed elaborazione di progetti di realizzazione di sé. L’intervento clinico si basa sulla consapevolezza, ormai acquisita da clinici di vario orientamento, che la giovane adultità rappresenta una fase del ciclo di vita con sue caratteristiche specifiche che la differenziano dalla adolescenza e dalla piena adultità. L’orientamento teorico metodologico dell’equipe si caratterizza per la sua non adesione ad un modello clinico teorico precostituito e omnicomprensivo. Pur nella varietà delle posizioni teoriche e delle declinazioni clinico-pratiche personali, i colleghi dell’equipe si riconoscono dentro un orizzonte teorico condiviso molto ampio: la teoria dei Codici Affettivi di Franco Fornari, l’attenzione agli aspetti psico-evolutivi e di crisi nei vari passaggi del ciclo di vita, ma soprattutto l’approccio psicoanalitico, arricchito dai suoi sviluppi specie di questi ultimi decenni.

La sezione clinica degli adulti (oltre i 30 anni) si basa sulla presa d’atto che l’avvio della vita di coppia, la genitorialità, il lavoro, così come la separazione e il divorzio, sono esperienze che avvengono per lo più dopo i trent’anni, e spesso sono vissute attraverso sistemi di valori scarsamente codificati che s’incarnano in ruoli sociali poco definiti. La clinica dell’adulto copre un’area molto ampia, all’interno della quale non mancano problematiche di tipo evolutivo, ma in cui prevalgono situazioni di disagio e di sofferenza che vanno al di là delle situazioni di crisi del ciclo di vita. Questo, peraltro, si è profondamente modificato, oltre che allungato e protratto, e presenta problematiche nuove, con domande nuove e pazienti nuovi (ad esempio pazienti anziani, oppure situazioni di disagio legate alla coppia e alla maternità).

Il gruppo clinico è coordinato da Franco Giori e svolge interventi di consultazione, anche di pochi colloqui; e trattamenti psicoterapeutici sia brevi che di lunga durata, individuali e di coppia. La riunione d’equipe decide l’assegnazione dei casi ed è momento fondamentale di riflessione e discussione sulla conduzione dei casi stessi, ed anche occasione feconda di riflessione teorica e culturale.